Progetto 7LUNE

Poesia, Arte, Musica e Cultura ispanoamericana

Associazione culturale - C.F. 90173560278 -

Sede legale Via Bari 6/9, 30020 Marcon (VE)

Sede operativa Quartiere Aretusa, 61 30173 Mestre (VE)


LUNA ROSSA Plaquette Fiabe Ispanoamericane 2020


I racconti di finzione per bimbi dai 3 ai 5 anni devono essere testi brevi ed appassionanti. Come frecce luminose devono riuscire a catturare l’attenzione dei più piccoli con un contenuto semplice ma sorprendente. Queste fiabe selezionate tra i componimenti giunti da ogni angolo dell’America Latina offrono uno spaccato delle leggende, dei suoni, degli odori, dei sapori di quelle latitudini: strani folletti, frutti succosi, animali d’invenzione e reali, spiriti protettori, anime pure e valorosi eroi popolano le pagine di questa selezione che offriamo a voi e ai vostri bambini preannunciando che questa plaquette dedicata ai più piccoli avrà in futuro un seguito dedicato a bambini appena più grandi, perché l’America Latina di lingua spagnola ha un immaginario vivido e appassionante da far conoscere ai nostri cuccioli curiosi: un modo come un altro per stimolarli a fantasticare anche oltre le consuete leggende della nostra tradizione, affinché aprano il loro sguardo, fin da piccoli, a mitologie e tradizioni altre, ma ricche ed arricchenti.



LUNA ASCENDENTE Plaquette Concorso Internazionale Altino 2020


Per il sesto anno di seguito l’Associazione culturale Progetto 7LUNE si affianca alla Carta di Altino nella gestione e promozione di uno dei concorsi letterari di maggior risonanza nel veneto orientale: Il Concorso internazionale di poesia di Altino. Quest’anno il tema PONTI E PORTI ha dato vita a composizioni di alto livello qualitativo e formale. Nella Sesta plaquette dedicata al concorso si riuniscono perciò, come di consueto, le 7 poesie vincitrici del concorso, che sviscerano da diverse angolazioni il controverso tema dell’edizione 2020 del premio: porti e ponti. Inevitabile l’acostamento alla precara condizione dei migranti, che diviene tuttavia metafora della stessa vita umana, perpetuamente incerta, senza alcun porto a cui approdare. I ponti sono tronchi, passaggi immaginari tra il qui e l’oltre e il porto diviene un luogo metafisico in cui ancorare la memoria.