Progetto 7LUNE

Poesia, Arte, Musica e Cultura ispanoamericana

Associazione culturale - C.F. 90173560278 -

Sede legale Via Bari 6/9, 30020 Marcon (VE)

Sede operativa Quartiere Aretusa, 61 30173 Mestre (VE)

 

LUNA CALANTE Plaquette Monografica buen vivir andino 2016

 

Il buen vivir andino è molto di più di una corrente filosofica o economica: è un atteggiamento di vita che dalle Ande si è diffuso in tutto il mondo mietendo successi per la sua coerenza ed efficacia nella ricerca di un’economia altra e di un modo sostenibile e rispettoso di approciarci all’ambiente e ai nostri simili. Nel maggio 2016 si è tenuto presso il Centro Culturale Candiani di Mestre (Venezia) un incontro voluto da Giorgio Conti degli Archivi della sostenibilità di Ca’ Foscari dal titolo “De-pil-iamoci” con un gioco di parole scherzoso che allude a strategie possibili per andare oltre il PIL e i suoi dettami. Noi dell’Associazione Culturale Progetto 7LUNE siamo stati invitati a contribuire al dibattito sul “Buen Vivir “con una riflessione sugli esiti artistici e letterari che circondano questo “movimento” e le sue peculiari caratteristiche. Dalla ricerca su questo tema nasce la plaquette che vi proponiamo ora, senza la presunzione di essere esaustivi, al contrario, pochi ma vibranti testi che tratteggino [...]

 

 

Quindicesimo numero della Plaquette 7LUNE

 

I colori dell’autunno avvolgono il lettore già dallo splendido dipinto di Renata Lledias che apre questa nuova selezione poetica del Progetto 7LUNE: i caldi toni del marrone incorniciano una luce che si accende verso una nuova dimensione (Alban), avvolgono la schiena dell’amata (Cárdenas), danzano assieme alle piroette di una foglia che cade (Cham), per poi diventare lividi nella pioggia sferzante (Londoño) che diluisce il sé (Montalvo): fiumi d’immagini (Pérez-Sepúlveda) dai colori vividi (Bonilla Olivares) o netta negazione (Rivera) di fronte ai mesi che più degli altri ci ricordano il declino della vita, le sue ultime fiammate verso la morte, la perenne ciclicità a cui siamo sottoposti, che alle volte ci trascina quale fiume in piena, e altre ci sospinge delicatamente come fiore che dall’albero si stacca.

 

 

LUNA ASCENDENTE Plaquette Monografica "Altino" 2016

 

I componimenti pervenuti alla Terza edizione del Concorso internazionale di Poesia di Altino hanno fatto emergere le varie sfaccettature della parola “Cieli”, pregna di significati e allusioni simboliche: il cielo come luogo dei ricordi del sentimento per chi non c’è più (Lamanna), un cielo avvolgente che invita alla preghiera (Mazzon), un cielo culla di speranza (Nardin), mappa d’astri e pianeti (Pecchiari) ma anche muto testimone di guerre (Monari) e del tragico destino dei migranti (Gaiani). Un cielo, in fine, scenario della creazione (Serino) e della nostra origine, terra celeste in cui affondano le radici della nostra stirpe, come ad unire in circolo la parola chiave di questa edizione del premio con quelle delle due edizioni precedenti (radici, origine). Stili ed atmosfere eterogenee, a partire dal bel quadro della pittrice messicana Adriana Rivera che ha aperto il bando di partecipazione: un cielo d’astri (sole e luna), esseri angelicati ma anche colombe di pace in questo momento storico in cui molti, tra i poeti [...]

 

 

Quattordicesimo numero della Plaquette 7LUNE

 

L’intensità della diatriba religiosa permea le pagine di questa nuova plaquette offerta dall’Associazione Culturale Progetto 7LUNE: fin dalla conturbante immagine di copertina, opera dell’artista messicana Elena Petrini in cui una religiosa (Sor Juana?) si specchia o si toglie/mette una maschera, sotto lo sguardo silenzioso della luna. Il rapporto col divino è il filo di Arianna che ci conduce alla scoperta di 7 diversi ed appassionanti nuovi autori: un Dio silenzioso (Cote) o incosciente (Figueroa), l’Onnipotente figura del perdono (Quero) che dona riposo eterno, o idolo da invocare di fronte alle fatiche della vita (Ramírez Berrocal), ma anche ultima roccia a cui afferrarsi (Solís) prima della discesa agli inferi. Eppure questi versi non parlano solo del rapporto col Padre supremo, si rapportano anche a personaggi biblici come Giuda (Gutiérrez) o si mettono in antitesi con la figura della Vergine Maria (Rodas) in un volutamente dissacrante urlo femminista. Punti di vista dissimili ed eterogenei proprio per fungere da detonante e spunto [...]

 

 

LUNA NUOVA Plaquette Monografica Costa Rica 2016

 

La poesia del Costa Rica viene introdotta già dalla copertina di questa plaquette (Muñoz) come una vibrante sintesi tra tradizione ed innovazione: il carretto trainato dai buoi, tipico souvenir “tico” ed elemento consueto del paesaggio rurale, viene presentato dalla pittrice con colori intensi che focalizzano l’attenzione sulle corna-luna dell’animale che osserva enigmatico lo spettatore.

Il lettore che si accosterà ai versi contenuti in questa plaquette troverà il dolce sapore della quotidianità (Arce), accenni di sensualità orientale (Bonilla Picado), elegie eteree (Díaz Chavarría), acute costruzioni cerebrali piene di sentimento (Roque), disperate grida d’angoscia (Salaverry Pardo), dichiarate fragilità che sono invece ironico scudo (Sancho) e appassionati versi d’amore (Zavala). Una splendida selezione che ci ha offerto la poeta costaricana ed editrice Teresita Aguilar Mirambell, curatrice di questa uscita.

 

 

Tredicesimo numero della Plaquette 7LUNE

 

Un aroma, che si diffonde fin dalle fresche angurie dell’opera di Aida Emart della copertina, pervade questa plaquette dedicata al colorato e saporito cibo ispanoamericano visto dagli autori inclusi: cibo di carta (Botelho Mauri), unico capace di sfamare il poeta, appassionato e cultore di rime e sapori (Long-Ohni), avido, perfido (Maldonado) ed abile descrittore di piatti tradizionali (Martínez), casalinghi (Mora Mora), per noi particolari ed esotici (Socorro Sirvent) ma comunque piatti che ricordano il sopraggiungere delle stagioni (Vera Guerra) e si configurano non solo come cibo che riconforta le viscere, ma anche l’anima. Se da un lato i manicaretti menzionati sono descritti nella loro gustosa e saporita presenza, dall’altro diventano metafora del calore domestico, ricordo di nonne e tradizioni, momento poetico assoluto in cui adagiare le nostre radici.

 

 

LUNA ROSSA Plaquette Monografica Calligrammi 2016

 

La parola calligramma proviene dal francese “calligramme” ed è un testo, poetico o meno, scritto a mano o digitalmente a conformare, a livello grafico, una figura coerente con il suo contenuto: la tipografia o la calligrafia, cioè, completano, integrano ed elevano il testo scritto alla stregua di una forma artistica, sfociando in quella che viene definita in spagnolo “poesía visual”. Il senso finale dell’opera scritta è, infatti, creato dalla combinazione di parola e disegno, divenendo un ibrido dalle alte potenzialità espressive. Spesso utilizzato da scrittori affermati come una sorta di passatempo ludico, ha raggiunto i suoi apici nella produzione ispanoamericana con autori come Huidobro e Cabrera Infante, anche se viene universalmente riconosciuto come “padre” dei calligrammi il francese Guillame Apollinaire. In questa plaquette che Progetto 7LUNE ha voluto dedicare ai calligrammi ispanoamericani contemporanei abbiamo scelto di presentarvi una selezione di significativi esempi. La copertina è uno splendido ritratto [...]

 

 

Dodicesimo numero della Plaquette 7LUNE

 

Dalla copertina di questo numero la luna risplende ingabbiata come un passero su di un roseo tramonto in cui i colibrí volano liberi e una donna affida al vento il suo mistero. L’enigmatico dipinto di Rebeca Alcantara ci conduce a scoprire i versi che contiene questa nuova plaquette 7LUNE che hanno come filo conduttore un riferimento al mondo dei volatili, una rappresentazione del loro fugace movimento (Jaramillo) o alla loro simbolica funerea presenza (Tentoni). Si tratta di uccelli-metafore, ingabbiati nella boca dell’uomo (Alt), sfamati dall’amore di una donna (Zanches), emblemi da un lato della divinità (Solórzano Alfaro) e dall’altro della cieca volontà dell’uomo (Martínez). Meravigliose creature della natura, questi uccelli divengono portavoce del grido zittito nella gola dell’uomo (Valle) che si fa promotore della leggerezza del loro volo anche in questi tempi cupi.

 

 

PLENILUNIO Plaquette Monografica Amilcar Colocho 2016

 

Amilcar Colocho è un altro giovane poeta guerrillero che vi presentiamo, dopo la plaquette dell’anno scorso dedicata a Leyla Quintana. Anche Amilcar, amante della letteratura e studente di agronomia, assassinato in giovane età, a 25 anni, combattendo sul vulcano di San Salvador nel 1990. Ha lasciato in questo mondo una bellissima bambina e molti versi sparsi che oggi abbiamo selezionato e tradotto per darvene un assaggio, con la speranza di poter al più presto realizzare una antologia su carta, in cui raccogliere i preziosi versi di tutta una generazione di grandi poeti salvadoregni che scrivevano poesia dalla trincea.

Le poesie che presentiamo in questa plaquette, intrise di passione civile, amore sensuale, persino umorismo e struggente malinconia, sono testimoni di una vocazione autentica, intensa, che chissà quali frutti avrebbe potuto dare se la sua vita non fosse stata troncata così presto.

 

 

Undicesimo numero della Plaquette 7LUNE

 

Un bouquet di fiori dal profumo intenso e pervasivo affiora da questa nuova plaquette che, già dalla sensuale copertina di Guadalupe Delgado, presenta testi e immagini relative alla simbologia floreale. Le calle della purezza invitano, dal quadro dell’artista messicana, ad una meditazione solitaria dei versi antologizzati che trovano nel fiore consolazione e solllievo ad una vita di stenti (Cana), emblema della condizione del poeta che aspira alla comunione (Carbone) e che s’identifica con la precarietà della vita vegetale (Garrigoz). Fiori di ogni tipo vengono rappresentati come grida di sensibilità al vento (Cortés Gutiérrez) o simbolo del sopraggiungere della fase in cui anche la vita avvizzisce (Leon), o al contrario benedizione di colore che piove dall’alto (Matul) o persino veicolo privilegiato d’amore (Suárez). Girasoli, rose, calle a cui anche i nostri occhi europei sono abituati, ma anche la lussureggiante vegetazione centroamericana o i solitari fiori della pampa argentina parlano dalle pagine di questa plaquette [...]