Progetto 7LUNE

Poesia, Arte, Musica e Cultura ispanoamericana

Associazione culturale - C.F. 90173560278 -

Sede legale Via Bari 6/9, 30020 Marcon (VE)

Sede operativa Quartiere Aretusa, 61 30173 Mestre (VE)

MEZZALUNA Plaquette Monografica Festival Santa Ana

 

Un festival di poesia esclusivamente femminile quello celebratosi a Santa Ana, El Salvador, dal 10 al 16 agosto 2014. E i testi presentati in questa plaquette dedicato al II Festival Internacional de Poesía de Occidente, sono stati scelti proprio perché descrivono varie sfaccettature dell’universo femminile: la donna ancestrale, madre di ogni madre (Caraza), con fango fertile nel ventre e una luna tatuata nel petto, fanciulla allegra trasfigurata in versi (Membreño), personificazione stessa della poesia, bimba aggrappata alla figura materna (Soto), ballerina in bilico di fronte all’assenza del padre (Zingone), ragazza perduta ma che non accetta maschere (Torres), sospinta al suicidio (Rivera) ma salvata dai versi, infine donna-morte essa stessa, pure lei femminile (Molina), in un circolo eterno sotto il segno di Eva, che è genitrice ma anche abbraccio mortale nella terra ultima. Un susseguirsi, in questa plaquette, di immagini femminili che definiscono, in versi, l’eccezionale universo interpretato in sette [...]

 

LUNA ROSSA Plaquette Monografica Landais

 

Un landai è un distico di 22 sillabe, nove nel primo verso e tredici nel secondo. La sua origine rimonta ai tempi antichi della tradizione orale afghana e in un dato momento veniva persino cantato, da donne e uomini. La tematica aveva a che vedere con la guerra, la separazione, l‟amore e il dolore, ma è solo in anni recenti che questi ultimi due temi si sono fusi per diventare una modalità d‟espressione quasi esclusivamente femminile, breve, concisa e potente, delle donne pashtu che con i loro versi si ribellano agli abusi ai quali sono sottomesse. Queste brevissime poesie, taglienti come coltelli e a volte persino sarcastiche, vengono composte a mente, in segreto, da donne che nella maggior parte dei casi non sanno né leggere né scrivere, e che le scambiano oralmente quando si trovano al pozzo per attingere acqua, o per telefono, di nascosto, chiamando altre donne coraggiose che raccolgono i loro versi, li registrano e li diffondono dandogli modo di esprimersi e ribellarsi in una società a loro così ostile. [...]

 

Quarto numero della Plaquette 7LUNE

 

Sette piccoli vecchietti seguono le fasi lunari dalla nostra copertina di questo numero, con stupore, allegria, diffidenza, indifferenza e rassegnazione, ad indicare una sorta di percorso di crescita, maturazione e l’approssimarsi della fine di un ciclo, quello della luna come quello della vita. Questo stesso tema percorre le poesie dei nuovi autori che vi presentiamo in questa quarta uscita della Plaquette 7Lune, intrise, stavolta, della pacatezza o il fulgore di una voce matura che osserva il passare delle stagioni sulla sua pelle: una donna che osserva nell’annosa lentezza della testuggine la prefigurazione della notte del tempo (Cámpora), un altro personaggio femminile che, in preda alla nostalgia, conta gli anni che le mancano per cercare di forzare un chiavistello ossidato di ricordi (Reséndiz Carmona), un’altra che percepisce il tempo avanzare come ore che si incastonano nella pelle (Caseiro), un uomo che affronta con sarcasmo lo sbigottimento di un Dio che non sarà ad aspettarci (Castro). [...]

 

LUNA ASCENDENTE Plaquette Monografica dedicata al Concorso Internazionale "Altino"

 

L’Associazione “La Carta di Altino”, in collaborazione con il Progetto 7LUNE e con il patrocinio del Comune di Quarto d’Altino, ha indetto lo scorso luglio il primo concorso internazionale di poesia Altino, edizione 2014, riguardante il tema “radici”, ricevendo centinaia di poesie da tutto il mondo. Settanta sono stati i componimenti selezionati per adornare, su fogli di carta colorati e plastificati, il grande albero di fronte al museo archeologico di Altino, e tra questi ulteriori 7 sono stati eletti dalla giuria vincitori assoluti ed appaiono in questa plaquette monografica e nel corrispondente podcast.

Radice, nel senso più ampio del termine, è passato, identità, storia. É il legame con il territorio, con la profondità e l’altezza, con l’essenzialità delle cose e con il nostro genere umano. Radici botaniche e metaforiche, radici per decotti curativi, radici quadrate, radici d’albero genealogico per riscoprire identità e differenze, radici sepolte ma [...]

 

Terzo numero della Plaquette 7LUNE

 

É l’amore a lanciare un grido dalla copertina (Salvador Bautista) del numero III della nostra Plaquette, un urlo appassionato e disperato che si propaga, in eco infiniti, attraverso gli scritti degli autori inseriti. É l’amore che rende tutto il resto vano (Boccanera), l’amore che visto in sogno (Mills) ci attende al varco dei nostri giorni (Canfield), un sentimento che percorre la pelle anche di ipotetici nemici (Aguayo), e i cui custodi prediletti sono due specifici sensi: la vista, attraverso sguardi (Regalado) che ripopolano il cuore, e il tatto (Shimose) di mani che accarezzando creano l’oggetto del loro palpare e le labbra che baciando l’amato (Flores) fanno dimenticare le insidie del mondo. L’occhio del lettore e la mano dello scrittore creano a loro volta, in queste pagine che vi offriamo, un incontro che, nell’incrociarsi dei sensi, ci auguriamo dal profondo che sia d’amore.

 

PLENILUNIO Plaquette Monografica dedicata a Julio Cortazar

 

Quando uno scrittore si può considerare consacrato? A quale ristampa della sua opera più importante? A quale vittoria di premio ufficiale? A quale tiratura di copie vendute? Nel fiorire ovunque di celebrazioni per il centenario della nascita di Julio Cortázar mi viene da pensare che la consacrazione di un autore letterario è data dallo spontaneo amore e ammirazione che suscita nei lettori dei 44 paesi in cui la sua opera è stata tradotta. Per molti, moltissimi appassionti delle sue pagine, Cortázar è qualcosa di più di una mente geniale che compone macchine letterarie perfette: per gli assidui frequentatori delle sue pagine, il tono di Julio, il suo argomentare, il suo descrivere, il suo spiegare, sono talmente insiti nella nostra forma di percepire la realtà che ci pare (e io mi inserico tra i “fan”), che lo scrittore argentino sia in realtà una propaggine della nostra coscienza. Chi ama Julio lo introietta: dopo aver letto lui, è lo sguardo sulla reltà e sulla finzione che cambia, definitivamente, come dopo un’esperienza epifanica. [...]

 

LUNA NUOVA Plaquette Monografica Argentina

 

Una donna sola sta seduta in una barca (alla deriva?) che si staglia contro una luna immensa, onnivora. Ma il tema predominante del quadro in copertina a questa Plaquette speciale sulla poesia argentina è il silenzio. Un silenzio riflessivo che si stacca dalle pennellate di Ruth Geiler per avvolgere i testi presentati di seguito: i silenziosi protagonisti del primo componimento (Impaglione), la poesia come canzone muta, silente (Kuraiem), gli occhi zitti (Segades Mania), le serrature che non cigolano aprendosi perché non c’è incontro (Palazzo Conti), un letargo dal quale ci si aspetta che si svegli il mostro (Peyrano), fili di voce (Strucchi), momenti di pause sospese per poter ascoltare (Skliar), nel silenzio, l’eco della poesia in noi.

 

Secondo Numero della Plaquette 7LUNE

 

Un sottile filo colorato congiunge il fraseggio poetico degli autori riuniti in questo secondo numero della Plaquette. Si dipana direttamente dalla vivace e suggestiva copertina dalla quale sette occhi-lune scrutano il lettore, per srotolarsi nella foresta di colibrì e farfalle (Angulo), tingersi di un cremisi che inzuppa la morte (Antonio), svolgersi in sottili tubi e delicati rami (Ibargoyen) di fumo, inamidarsi in strade senza marciapiede abitate dai ricordi d’infanzia (Ortíz) o dallo spettro di una ferita (Peart) di cui il filo cerca d’essere sutura. Come una sottile fune di vivaci colori, la poesia congiunge tante voci poetiche che sono a tratti canto solitario (Roa) e altre volte canzone d’amore, un filo, cioè, etereo ma al tempo stesso resistente, che sostiene i giorni e le notti che il poeta sente precariamente appesi e in caduta costante (Verdugo) sul suo mondo interiore. Vi porgiamo questo filo d’Arianna sperando che sappia condurvi per la strada che esce dal labirinto.

 

LUNA NUOVA Plaquette Monografica Spagna 2014

 

In questa plaquette si desidera offrire ai lettori la traduzione in italiano di 7 poesie di diversi autori contemporanei che scrivono dalla vicina Spagna. Il paesaggio scorre fremente nel corpo del poeta (Fernández Moyano) soggiogato dai sensi che travolgono la sua natura, ma non c’è lotta, solo intimo stupore, come nei versi d’amore (Fernández Zotes) in cui il poeta e l’amata sono un unico silenzio avviluppato. E’ una conversazione di anime quella che si intreccia alla conversazione silente e altrettanto struggente della poesia seguente (García): due uomini apparentemente soli, apparentemente distanti, apparentemente estranei e difatti non si daranno mai la mano, sarà lo scritto a congiungerli, autore e lettore, in un rapporto che è altrettanto viscerale quanto la vicinanza. Questa la magia delle parole, che sanno far nascere ricordi e unire i destini di chi scrive e chi legge senza ch’essi mai si incontrino. Le parole divengono le protagoniste del titolo della poesia successiva (Gracia Trinidad), come interlocutrici loro stesse, [...]

 

 

Primo Numero della Plaquette 7LUNE

 

La Plaquette 7LUNE si propone di introdurre al pubblico italiano una rosa di 7 poeti di lingua spagnola provenienti dall’Ispanoamerica attraverso un supporto digitale gratuito come il PDF, facilmente scaricabile da ogni utente provvisto di computer, e uno strumento di diffusione d’avanguardia come il PODCAST, ascoltabile senza alcuna spesa in un tablet o altro supporto

di telefonia mobile. Un unico componimento rappresentativo di ogni autore verrà tradotto in italiano e letto sia in lingua originale, per farne assaporare la musicalità, che in traduzione per comprenderne pienamente il significato. I versi di importanti nuovi autori di terre distanti ma a noi prossime verranno perciò diffusi in un prodotto confezionato in maniera che sia un contributo alla diffusione della poesia [...]